Stufe a pellet senza canna fumaria?

contemporary-pellet-wood-stove-ceramic-6479-1702865

Le stufe a pellet hanno bisogno di canna fumaria?

È una domanda che occupa spesso le pagine dei forum e l’interesse di molti potenziali clienti.
Senza canna fumaria può davvero funzionare una stufa a pellet?
Chi risponde sì non fa altro che alimentare la confusione che di frequente regola i comportamenti degli acquirenti. Si tratta, in altre parole, di un semplice espediente commerciale. Vediamo di chiarire la questione.

Una stufa a pellet può in effetti funzionare senza camino.
A dispetto di una stufa a legna che funziona per tiraggio naturale, ovvero ha bisogno di una canna fumaria che crei il tiraggio sufficiente alla combustione della legna, una stufa a pellet funziona per tiraggio forzato.

Ciò significa che i fumi di combustione sono espulsi da un ventilatore elettrico.

Dal punto di vista tecnico, quindi, per far bruciare il pellet in modo corretto, potrebbe bastare appoggiare la stufa a una parete perimetrale e scaricare i fumi direttamente all’esterno, anche a livello della stufa.

Quali sono i limiti delle Stufe a pellet senza canna fumaria?

Bisogna tener conto del fatto che i fumi di una stufa a pellet possono toccare temperature di 200/300 °C.
C’è poi da prendere in considerazione un altro fattore, si tratta comunque di fumi prodotti da combustibile solido, molto più pesanti di quelli di una comune caldaia a gas.

Devono quindi essere dispersi in modo tale da non arrecare danni a cose e persone.

Quanto alla possibile installazione a parete dello scarico della stufa a pellet, avrete scarse probabilità che l’intervento passi inosservato come accade spesso per quella di una caldaia a gas (installazione comunque fuori norma).

Vanno tenute presenti le norme edilizie e sanitarie che impongono lo scarico dei fumi di combustibile (qualunque combustibile) oltre il colmo del tetto.

Vi sono poi le motivazioni relative alla sicurezza, che portano a preferire almeno qualche metro di canna fumaria.

Un comignolo posto almeno un paio di metri sopra il livello del braciere crea il tiraggio naturale sufficiente ad espellere i fumi all’esterno anche senza il supproto del ventilatore preposto allo scopo.

Insomma, norme tecniche, sicurezza e buon vicinato conducono a una semplice constatazione: le stufe a pellet hanno bisogno di canna fumaria.

Potrebbero interessarti questi articoli:

  • Stufe a pellet usateStufe a pellet usateStufe a pellet usate: consigli per l'acquisto Scegliere una stufa a pellet non è così facile, soprattutto se ci si orienta, in vista di un maggior risparmio economico, verso un prodotto di seconda mano. Un buon risultato sarebbe riuscire a reperire una stufa a pellet a circa metà del proprio valore, così da destinare i soldi risparmiati nell'acquisto di pellet di legna da bruciare in […]
  • Come installare stufa a pellet?Come installare stufa a pellet?Come installare stufa a pellet? L’installazione di una stufa a pellet costituisce una pratica soluzione a quanti vogliano riscaldare la propria abitazione conseguendo un risparmio economico e preservando l’ambiente. La stufa a pellet può ricoprire ruoli diversi, può andare a integrare l’impianto di riscaldamento esistente, oppure può andare a sostituirlo integralmente. Perché in […]
  • Coclea Pellet: Scopri Come Trasportare il Pellet Senza FaticaCoclea Pellet: Scopri Come Trasportare il Pellet Senza FaticaCoclea Pellet: Scopri Come Trasportare il Pellet Senza Fatica. Il coclea pellet è un sistema di trasporto per il pellet di solito utilizzato nelle centrali termiche. Il sistema coclea è un mezzo silenzioso e compatibile con la maggior parte dei termocamini a pellet, delle termostufe a pellet, delle  caldaie e delle stufe a pellet. Questo meccanismo può essere programmato affinché il […]
  • Stufe a pellet quanto scaldanoStufe a pellet quanto scaldanoStufe a pellet quanto scaldano? Prima di procedere con l'acquisto di questi innovativi sistemi di riscaldamento è logico interrogarsi sulle capacità che hanno di scaldare la propria abitazione. Seguono poi i chiarimenti sull'effettivo risparmio in termini di budget familiare e i dettagli tecnici. Tutte questioni rilevanti, legate l'una all'altra. Affrontiamole per gradi. Come […]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>