Guida all’acquisto di una stufa a pellet

Il mercato del pellet ha raggiunto un livello tale che molto spesso è difficile orientarsi all’acquisto di una stufa a pellet che abbia un ottimo rapporto qualità-prezzo. Solitamente le caratteristiche che spingono un consumatore a interessarsi a questa tipologia di sistema di riscaldamento, non sono tanto quelle estetiche, ma legate alla componente tecnologica e funzionale del prodotto. Infatti ogni articolo varia in base al tipo di utilizzo che si andrà a fare, alla potenza di combustione supportata e naturalmente alla marca.

Bisogna quindi prendere in considerazione alcuni presupposti per l’installazione come:

  • il posizionamento della canna fumaria;
  • la presenza di una presa elettrica fondamentale per il funzionamento;
  • quante stanze bisogna riscaldare.

Una guida all’acquisto di una stufa non potrà mai essere esaustiva poiché giocano diversi fattori che spesso sono di natura soggettiva. Per esempio ci saranno consumatori che preferiscono una stufa a pellet ad aria, in modo da diffondere aria calda in più stanze mediante un apposito sistema di canalizzazione, oppure ci saranno quelli che necessitano di una ad acqua per poter godere di un sistema per la produzione di acqua calda per uso sanitario.

Mi sto limitando quindi a mostrare nel complesso i vantaggi di un sistema di riscaldamento a pellet.
Ciò che bisogna sempre controllare, a prescindere da quale articolo di andrà ad acquistare, è:

  • il marchio di certificazione CE;
  • un’indicazione della normativa che regola il test dell’apparecchio;
  • la potenza di rendimento;
  • il valore di emissione CO2 (dev’essere inferiore allo 0,04%);
  • e infine l’assistenza sul territorio nazionale del marchio che si andrà a scegliere.