Pellet migliore qualità: la scelta del prodotto giusto

Pellet migliore qualità: come trovare il prodotto giusto

L’individuazione del pellet migliore è tutt’altro che semplice, vi sono infatti numerose tipologie di pellet da considerare, con caratteristiche piuttosto complesse da porre in rapporto al modello di stufa acquistato. Scegliere il pellet per il riscaldamento domestico deve tenere presente: il colore, il potere calorifico, il livello di purezza, l’umidità e l’abrasione.

A prima vista quello che colpisce è il colore. In linea di massima un pellet chiaro fatto di legno di conifere prevede, nella maggior parte dei casi, una minore quantità di residui sia nella camera di combustione che nella canna fumaria.

Pellet migliore qualità: le schede tecniche

A prescindere dal colore e dalla tipologia di legno presi in esame, un dato di assoluta importanza è il potere calorifico. È bene non procedere mai in un acquisto con potere calorifico inferiore alle 5.000 calorie. Sul mercato troverete numerosi pellet con valori di potere calorifico contenuti, ma è preferibile evitare questi prodotti che sono antieconomici nell’effettivo utilizzo. Da non sottovalutare neppure la quantità di umidità, che non dovrebbe mai risultare superiore al 12%.

Non è conveniente infatti lasciarsi allettare dai prezzi eccessivamente low cost. La qualità ha un costo e un prodotto troppo economico è solitamente mediocre, richiedendo quindi una maggiore quantità di combustibile rispetto a pellet di fascia medio-alta.

I pellet sono del resto il frutto della lavorazione di segatura essiccata, che è poi pressata in piccoli cilindri. Anche in questi termini vi cono dei criteri da appurare: il diametro deve apparire compreso tra i 6 e gli 8 mm, anche se la normativa prevede un diametro compreso all’interno dell’intervallo tra i 4 e i 10 mm, a fronte di una lunghezza inferiore ai 50 mm.

Non vi consigliamo comunque i surrogati del legno, che conducono di frequente a problemi di accensione, fenomeni di intasamento o persino il rilascio di sostanza inquinanti. Per evitare cattive sorprese è meglio preferire pellet prodotto da legno vergine, altrimenti potrebbero essere presenti sostanze persino nocive.

Altre proprietà del pellet da tenere presenti nei prodotti di uso domestico sono: quantità zolfo < 0,08%, cloro < 0,03%, azoto < 0,30%.

Un ruolo chiave è interpretato infine dalle certificazioni. Queste permettono di dare attendibilità ai dati forniti dall’impresa produttrice. Nel nostro Paese sono in vigore le specifiche DIN 51731. Il rischio associato a un acquisto sprovvisto di certificazione è che il pellet presenti tracce di sostanze nocive, senza contare la verifica delle specifiche tecniche.

Pellet Prezzo Migliore: quale scegliere

Energie rinnovabili con l’agripellet gli scarti divent...     Come sappiamo i combustibili fossili rappresentano il problema prioritario per l’inquinamento atmosferico ma anche per le emissioni di CO2, con il protocollo Kyoto diversi stati si sono impegnati a ridurre le emissioni nocive nell’ambi...
Qual è il pellet migliore? Qual è il pellet migliore? Le stufe in pellet sono le più diffuse in Italia. I numeri parlano chiaro: già dal 2009, secondo i dati trasmessi da Assopellet, è stato superato il milione di pezzi venduti. Merito anche degli incentivi del 55% sulle calda...
Prezzi del pellet onilne Quali sono i prezzi del pellet online? Si tratta del combustibile più sicuro ed economico che ci sia attualmente sul mercato. Tra i suoi punti di forza si contano anche l'assenza di sporco in casa e un limitato spazio per poter essere immagazzinato. ...
Come installare una stufa a pellet? Quali i vincoli normativ... Come installare una stufa a pellet con canna fumaria Scegliere una stufa a pellet significa poter contare su un risparmio sia in termini di economici che di risorse ambientali, una scelta ecosostenibile oltre che intelligente. Ma il problema che si ...
Come applicare Iva per stufe a pellet? Iva al 10 per cento per interventi di recupero Come molti sapranno per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio abitativo esistente è in vigore un regime agevolato di applicazione dell’Iva. Per le opere di ristrutturazione, restauro e risa...
Pellet prestagionale 2012-2013: perché conviene? Quando ci riferiamo al pellet prestagionale 2012-2013 richiamiamo un semplice principio di mercato. L'acquisto con largo anticipo di un certo bene assicura un risparmio economico. Per questo è consigliabile evitare di comperare pellet durante il peri...
pellet migliore qualità