Pellet prestagionale: quando comprare? Quanto si risparmia?

Pellet prestagionale 2015: il risparmio di acquistare in primavera

Vi sono tendenzialmente due diversi periodi in cui è acquistato il pellet: la stagione estiva, che fornisce un prezzo di solito più basso, e la stagione invernale, dove la necessità di riscaldarsi di tante famiglie spinge al rafforzarsi della domanda e ciò conduce a una ridefinizione dei prezzi, che possono variare anche con cadenza mensile. Il pellet prestagionale è di solito associato a offerte che si possono reperire fin dai primi mesi primaverili.

Nel corso degli ultimi anni dobbiamo tuttavia rilevare che le differenze tra acquisti stagionali e prestagionali si sono piuttosto attenute, anche se un risparmio è sempre conseguibile, persino negli anni caratterizzati dall’assenza di marcate oscillazioni di prezzo. Un fattore che assume maggiore rilevanza per soggetti che hanno bisogno di quantitativi di pellet importanti.

Pellet prestagionale prezzi: convenienza e qualità del prodotto

Ma come cambiano i prezzi del pellet? La variazioni di prezzo del pellet sono inferiori a quelle di altri combustibili, quali gasolio o metano. In linea di massima il pellet, grazie all’uso di resti di segatura e scarti di produzione presenta prezzi competitivi.

Se si usano materie prime più onerose e ricercate rispetto alla segatura, si avranno prezzi del pellet più importanti. Il cippato e il legno da bosco da taglio prevedono costi maggiori rispetto alla segatura. Al crescere della qualità del combustibile, e quindi delle sue performance, aumentano i costi del pellet.

Prima di procedere con qualunque acquisto di pellet vi consigliamo di porre in rapporto la qualità, meglio se appurata da certificazione EN plus, con l’effettivo costo. Oneri che possono essere parzialmente abbattuti con l’acquisto di pellet prestagionale.

Pellet prestagionale