Prezzi pellet 2014

Quali sono i prezzi del pellet 2014? Come risparmiare?

Il pellet si è ormai affermato come il biocombustibile per riscaldamento domestico più convenite sul mercato e nonostante l’aumento die prezzi, la richiesta di questo prodotto non dà segni di voler diminuire.

Nel 2013 si stimavano circa 1,7 milioni di stufe a pellet e 50-60 mila caldaie a uso domestico. Il successo del pellet deriva dal grande risparmio che questo produce, basti pensare che, in una sola stagione, con una stufa a pellet è possibile tagliare le spese di riscaldamento fino a 1000 euro.

Quali i fattori che incidono sull’andamento prezzi pellet 2014?

Oltre che per la qualità del prodotto, i prezzi del pellet variano sulla base di più fattori, quali periodo di acquisto, quantità e zona. Comprando il combustibile in primavera o in estate, il cosiddetto pellet prestagionale, infatti è possibile ottenere dei discreti risparmi. Allo stesso modo spesso più acquirenti si riuniscono in gruppi di acquisto, così da ordinare grandi quantitativi di pellet ed ottenere sconti, anche significativi, sul prezzo del combustibile.

Facendo una piccola ricerca sulla rete è possibile notare anche che i prezzi pellet 2014 variano anche a seconda della regione italiana di destinazione, raggiungendo i picchi massimi in Sicilia e Sardegna. Ma quanto costa un sacco di pellet? Un sacchetto da 15 kg di pellet di abete Gold (che ha ottenuto l’attestazione Gold prevista in Italia) costa circa 3,60 euro, mentre il pellet misto di abete e faggio, la cui qualità è lievemente inferiore costa circa 3,15 euro a sacchetto.

Prezzi pellet 2014