Stufe a pellet nordica

Perché scegliere le stufe a pellet Nordica?

L’energia negli ultimi tempi ha accresciuto a un tale livello i suoi costi che, addizionando le spese dell’elettricità con quelle di gas e gasolio abbiamo un computo totale pari al 10-20% del reddito familiare.

Sebbene le energie rinnovabili non possano sostituire integralmente la produzione di energia da combustibili fossili, è possibile coprire una significativa percentuale del fabbisogno energetico. Per la produzione dell’acqua calda e riscaldamento sono sufficienti un buon impianto solare integrato con la combustione a pellet.

È qui che entra in scena Nordica, gruppo industriale del nord-est italiano presente in 20 paesi del mondo, produttore di una vasta gamma di stufe dall’elevato apporto tecnologico. Si tratta di articoli che rispettano a pieno le normative sulle emissioni e certificati CE, con l’aggiunta di certificazioni internazionali ancor più restrittive di quelle italiane.

Ma quali sono i modelli di stufe a pellet Nordica?

  • Giordana Idro: dispone di un rivestimento in maiolica e vetro ceramico resistente a 750°, pompa di circolazione e vaso di espansione di serie. Scambiatore di calore con sistema di pulizia manuale. Ventilazione frontale con possibilità di esclusione. Ha un rendimento del 91% ed è in grado di riscaldare 527 m3.
  • Dorina: ha un rendimento dell’87%, capacità di serbatoio di circa 13 kg, e può riscaldare uno spazio equivalente a 177 m3. Il peso è contenuto, appena 91 kg, e richiede un assorbimento energetico di 60-80 W.
  • Duchessa Idro: la sua capacità di riscaldamento interessa uno spazio di 344 m3, mentre il rendimento è del 91% per un serbatoio da 20kg. Non ha però termostato interno, né ventilazione forzata. La potenza termina globale è di 3,9-13,1 kW .
  • Elisir Idro: si distingue per la linea slim (le sue dimensioni sono 974x1028x304 mm). La potenza termica globale è di 3,9-13,8 kW. Non dispone di ventilazione forzata, né di termostato interno

Pellet Prezzo Migliore: quale scegliere

Revisione caldaie ed impianti fotovoltaici, cosa sapere Revisione caldaie ed impianti fotovoltaici 2015 Una scelta orientata alla sicurezza e alla tutela dell’ambiente. Il nuovo libretto per le caldaie, i sistemi di climatizzazione, gli impianti solari e fotovoltaici, le pompe di calore e teleriscaldam...
Mercato pellet l’espansione continua Mercato pellet l’espansione continua. Il mercato del pellet continua la sua espansione non solo in Italia, ma nel mondo.  Stando ai dati diffusi in occasione del Forlener 2013, ogni anno vengono consumate circa 16 milioni di tonnellate di questo m...
Pellet boom tra i biocombustibili Tra i biocombustibili più utilizzati negli ultimi anni sicuramente il pellet primeggia  soprattutto per il riscaldamento domestico, secondo diverse indagini statistiche tra il 2012 e il 2013 in tutto il mondo la produzione di pellet certificato ENp...
Qual è la manutenzione stufe a pellet? Qual è la manutenzione stufe a pellet? Cosa c'è di meglio di un calore rilassante e avvolgente profuso da una stufa a prova di ambiente? Il pellet assicura un inverno in assoluto comfort arricchito dal vantaggio dell'economicità. Ma prima dell'...
Pellet migliore: guida per un acquisto sicuro e di qualità La grande richiesta e la diffusione delle stufe a pellet ha fatto sì che si creassero diversi tipologie di combustibile, ma sicuramente scegliere il pellet migliore per la propria stufa e destreggiarsi tra le varie caratteristiche non è una cosa se...
Perché scegliere il pellet di castagno Bruciabene? Pellet di castagno caratteristiche tecniche Bruciabene è un pellet composto al 100% da residui di legno di castagno. Prodotto in Italia, questo pellet ha un alto potere calorifico e una percentuale di umidità inferiore all’8%. Realizzato escl...